Roma é piú vicina

Oggi si procede verso Viterbo, lasciando Bolsena e il suo lago di origine vulcanica. Il paese é davvero un gioiellino, con il suo lungolago e il castello che domina il centro storico. É il posto dove abbiamo visto piú pellegrini, forse per la presenza del Santuario del Miracolo Eucaristico, che avvenne intorno al 1260, anno in cui un sacerdote boemo, che aveva dubbi sulla trasformazione del pane e del vino in sangue e corpo di Cristo, vide sgorgare sangue dall’ostia mentre celebrava la messa. Ma Bolsena é stato anche il posto dove abbiamo rivisto tutti I pellegrini, pochi per la verità, che abbiamo incontrato e conosciuto lungo il cammino, e che hanno rivestito un po’ I ruoli di comparsa del nostro film: una bionda affascinante, che viaggiava a piedi da sola e che ha fatto un pezzo di strada con noi, fino a San Gimignano e che ci ha raccontato del viaggio che ha fatto fino a Santiago in 39 giorni, partita anche in quel caso da sola. Saputo che la bionda é di Monza, ecco che  il Raddy esordisce dicendo: “ah! sei di Monza, ecco perché corri cosí forte”. Da qui, la  decisione della ragazza di proseguire il cammino da sola. Comunque la “bionda di Monza” la incontravamo spesso di sera e sempre in compagnia di altre persone, con il solito vestito nero, da serata, che quasi faticavamo a riconoscerla. Evidentemente non intendeva rinunciare alla propria femminilità e a un pizzico di mondanità. Poi, sempre a Bolsena, abbiamo rivisto un gruppetto di quattro ragazzoni sbarbati tedeschi, che avevano scambiato timidamente qualche battuta con noi, folcloristici italiani, in un bar durante il cammino. E adesso sono loro a riconoscerci  e salutarci con sorpresa e euforia. Adesso siamo on the road verso la tappa intermedia di Montefiascone, che non ci viene incontro, ma aspetta che, con molta fatica, la raggiungiamo. Ultima nota: la guida diceva che faremo tutta la tappa costantemente sotto il sole, senza l’ombra di un albero. Invece, I primi 6 km, li abbiamo fatti addentrandoci in una giungla. Infatti leggendo la guida mi sono preoccupato, perché ieri ho avuto un calo di pressione all’entrata in Bolsena, ed ero indeciso se ripartire o meno. Ma per adesso, va tutto bene e intravedo da lontano Montefiascone, dove ci ristoreremo: Est! Est! Est!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...